Charities

0-9ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZTutti

4 risultati trovati

Sportupp è aperto a tutti i maggiorenni, non solo agli sportivi.

In questo caso il beneficiario della quota di cashback, di solito appannaggio di Società Sportive, può invece essere per una tra le charities scelta dall'utente tra quelle da noi rigorosamente selezionate.

Sport Senza Frontiere Onlus

Sport Senza Frontiere Onlus lotta contro l’emarginazione sociale di bambini e famiglie in situazioni socio-economiche svantaggiate, organizzando percorsi sportivi nei quali i bambini sono seguiti da personale specializzato, favorendo l’accesso alla pratica sportiva.

Sport Senza Frontiere crede nell’idea che lo sport possa essere uno strumento di cambiamento sociale e favorisce attraverso la sua attività i processi di inclusione

Sogno di Bimbi Onlus

L’associazione di volontari Sogno di Bimbi è stata costituita il 26/06/2002 ed il centro di accoglienza nasce nel 2003 dalla iniziativa di un gruppo di volontarie ospedaliere che, viste le necessità ed i bisogni dei bambini e delle madri più disagiate, nello spirito tipicamente milanese del rimboccarsi le maniche, hanno dato vita ad una iniziativa che, in poco tempo, è diventata una realtà di riferimento per tutta la città.
Abbiamo iniziato in un appartamento di circa 70 mq, messo gratuitamente a disposizione dalla nostra volontaria Marinella Graziani, dove i primi bambini consumavano i pasti, svolgevano le attività manuali, ludiche e psicomotorie e dove nelle ore pomeridiane riposavano in appositi lettini offerti dai Rotary Club.
In seguito la lunga lista di attesa creatasi e la mancanza di spazio ci ha fatto cercare locali più grandi onde evitare di respingere anche i casi di grave disagio.

Attualmente siamo in questa sede che però necessita di essere ristrutturata ed adeguata. In tal senso abbiamo già provveduto ad arredare l’ambulatorio medico-pediatrico, ma altri lavori di rifacimento saranno iniziati quanto prima avendo trovato un benefattore disposto ad intervenire con un finanziamento a fondo perduto almeno per il riscaldamento. Il locale ha una superficie di 600m2 e quindi dobbiamo procedere a piccoli passi compatibilmente con le risorse che sono molto scarse, ma confidiamo nell’aiuto di tutti e specialmente delle istituzioni se volessero contribuire ad aiutare i nostri bambini.

Aiutaci anche tu… basta poco!

Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus

La fibrosi cistica è la malattia genetica grave più diffusa. Colpisce molti organi, soprattutto polmoni e pancreas; è proprio il danno ai polmoni che determina la qualità e la durata della vita, e che alla fine porta all’impossibilità di respirare. Chi nasce con la malattia ha ereditato un gene difettoso sia dal padre sia dalla madre, che sono entrambi portatori sani del gene. Nella maggioranza dei casi chi è portatore non sa di esserlo, perché non ha alcun disturbo di salute. I portatori sani in Italia sono circa due milioni e mezzo: uno ogni 25 persone. Al momento, per la fibrosi cistica non c’è guarigione. Chi soffre di questa malattia ha un’aspettativa media di vita che si avvicina ai 40 anni, guadagnati spesso a prezzo di pesanti cure giornaliere che non risparmiano la sofferenza. Colpire alla radice il difetto che causa la fibrosi cistica è lo scopo principale della ricerca.

La Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica – Onlus è nata nel 1997 ed è la prima realtà italiana dedicata agli studi per nuove cure della malattia. Ha la propria sede a Verona ma si avvale del lavoro di 150 delegazioni e gruppi di sostegno distribuiti in tutte le regioni italiane, con più di 10.000 volontari che raccolgono fondi e fanno informazione sulla malattia. Missione della Fondazione è di promuovere e finanziare la ricerca scientifica sulla fibrosi cistica; formare giovani ricercatori e personale sanitario; diffondere la conoscenza della malattia tra la popolazione. La ricerca scientifica è impegnata in tre direzioni: migliorare la qualità di vita dei pazienti; accrescerne la durata; trovare la cura definitiva e sconfiggere la malattia. Dal 2002 a oggi ha investito oltre 24 milioni di euro, con i quali ha sostenuto 336 progetti di ricerca, che hanno coinvolto una rete di oltre 700 ricercatori.

Fondazione Fabio Casartelli

La Fondazione

“…affinché FABIO rimanga, PER SEMPRE, vivo nella memoria, oltre le sue imprese sportive…”: questo il desiderio, la volontà, lo scopo di alcune tra le persone più vicine e care allo sfortunato campione Albesino, che ha portato il 13 giugno 1996 alla nascita della Associazione “Fondazione Fabio Casartelli”.

Novantacinque i promotori dell’iniziativa, che divengono così Soci Fondatori: tra loro Gianluigi Luisetti e Pierluigi Marzorati, che nel settembre 2002 ne ha rilevato la carica di Presidente dopo che nel 1998 l’Associazione ebbe i requisiti per diventare a tutti gli effetti Fondazione.

Importanti e in gran parte rivolti al sociale gli obiettivi presenti nello statuto dell’Associazione divenuta a tutti gli effetti Fondazione nel 1998, dopo aver ottenuto il riconoscimento giuridico dalla Regione Lombardia in data 26.02.1999 con Delibera n. 41614. Tra gli altri:

  • L’erogazione di fondi a favore di atleti, ex atleti e loro famigliari in particolari condizioni di bisogno;
  • L’istituzione di borse di studio a favore di giovani atleti meritevoli per permettere loro di proseguire nel cammino scolastico;
  • L’erogazione di fondi destinati a favorire l’educazione dei giovani e del loro inserimento attivo nella comunità;
  • l’organizzazione di congressi, mostre, rassegne, dibattiti, incontri di studio e naturalmente eventi di carattere sportivo e ciclistico in particolare.

Il lavoro dei Soci prima, e degli Amici della Fondazione dopo la nascita della stessa, ha portato a risultati più che soddisfacenti. Su tutti la donazione al sevizio 118 di un’auto medica attrezzata.

Per informazioni: info@fondazionecasartelli.it – www.fondazionecasartelli.it